La ricetta della panzanella toscana, la semplicità si è fatta sapore

Piatto ricco mi ci ficco! Questo invece, più che un piatto ricco come potreste pensare con questo bell’incipt iniziale, è un piatto della tradizione toscana nato per non gettare il pane raffermo, quindi rientra a pieno titolo nella cucina degli avanzi. Quello che devo dirvi però è che questo piatto in realtà ricco di sapore lo è per davvero, più di quanto possiate immaginare. E’ inoltre un piatto freddo, facile e veloce da preparare ed impastare con le mani, è anche un gran divertimento 🙂
Non si contano le volte in cui lo abbiamo già mangiato Marco ed io in questa stramba estate, perché la verità è che ci piace da matti. Ho iniziato a prepararla come antipasto qualche domenica fa, quando abbiamo avuto ospiti Delia e Pierpaolo e nel corso delle settimane, non ho smesso più di farla. La parola magica? Versatilità!
Si, perché quello che resta alla base è il procedimento per utilizzare il pane vecchio di qualche giorno ma è la quantità infinita e la variabilità degli alimenti che potrete utilizzare a rendere la panzanella, ogni volta che arriva in tavola, un piatto del tutto nuovo ed irresistibile!
Non vi indicherò le dosi perché sarete voi a mettere la quantità di condimento che più vi piace, utilizzando quello che avete in casa. Potrete utilizzare rucola, pomodoro, basilico o erba cipollina, mais, olive, salmone affumicato, tonno o prosciutto a cubetti, funghi, wurstel, mozzarella o provola, scaglie di parmigiano… insomma, gli ingredienti da abbinare e variare, ci stanno! Io voglio provarlo con le verdure grigliate, ancora mi manca ma perché mi è mancata la voglia di grigliare a dire il vero 🙂
Noi lo mangiamo come piatto unico, quindi utilizzo 6 o 7 fettine di pane in totale.
Pronti a preparare questa bella panzanella? Non perdetevela!

panzanella-toscana

Panzanella toscana con tonno, pomodori e rucola

{ panzanella salad }

 

La lista degli ingredienti

pane raffermo secco
tonno
rucola
pomodoro
mais
olio evo
sale
acqua
aceto di vino bianco

Preparatela così

  1. Versate l’acqua in una ciotola e aggiungete un cucchiaio abbondante di aceto bianco. Immergete le fette di pane, lasciate che assorbano un pò d’acqua senza divenire mollicce e cominciate a spezzettarle con le mani. Devono ancora scrocchiare un pò (non deve essere una pappetta), se metterete il pomodoro ad esempio, il pane ne assorbirà ulteriormente il liquido. Potrete spruzzare un pò di acqua se sarà necessario mentre lo lavorate con le mani. Dovrete ottenere la consistenza che vedete nella foto su in alto.
  2. Una volta finito, è l’ora di iniziare a condire a proprio piacimento. Io per questa versione ho utilizzato tonno, rucola, mais e pomodoro, ho salato, versato l’olio ed ho portato in tavola.
Ed è finita subito!


26 thoughts on “La ricetta della panzanella toscana, la semplicità si è fatta sapore”

  • Ciao..arrivo da Vivi in cucina…molto interessante questa insalata…mi piace molto…sostanziosa, ma molto fresca :))a presto :))

  • Ciao Vivi, e' un po' che non ritorno a farti visita e che cosa trovo? La Panzanella? Ma questo e' il post giusto per me, l'ho mangiata anche oggi! Scusa se i miei commenti sono così altalenanti, e' stato un periodo ci, spero di essermi ripresa!!!! Allora, dove era o rimaste, la panzanella, giusto!!!! Anche la mia mamma mette il tonno e la tua la trovo fantastica ma vorrei ricordare che la vera ricetta con pomodoro, cetriolo, sedano, basilico, sale e tanto olio evo!!!!! La cucina però è' sperimentazione e personalizzazione, quindi non posso che dirti che i tuoi abbonamenti di sapori sono eccezionali! Davvero, davvero, brava!!!!! Un abbraccio

    • 🙂 vedo che ci sono delle varianti di versioni anche in toscana, su me ne è stata ricordata un'altra, è un pò come il tiramisù, che alla base è uguale ma oggi lo si fa di tanti altri gusti 😀 Noi generalmente lo mangiamo con pomodoro, basilico o rucola e basta 🙂 Ma volevo fare qualche modifica rispetto all'insalata ai cinque cereali per non proporre una ricetta fac-simileNon preoccuparti, anche io sono presente a tratti, abbiamo anche una vita privata per fortuna. A prestissimo e tanti baciotti. Buon fine settimana ♡

  • Oddio sono toscana e vedere la panzanella con tutti quegli ingredienti dentro mi fa molto strano! In toscana la mangiamo esclusivamente con pomodori, cetriolo, cipolla e basilico, e se piace anche con un po di aceto 🙂

    • Ciao Irene, chiedo venia ad una toscana dop! Io l'ho mangiata sulla spiaggia di Capalbio la prima volta ed era una interpretazione del luogo differente dalla tua 🙂 Spero di mangiarla presto come mi hai indicato tu e soprattutto in loco!! 🙂 sarebbe bellissimo

  • Ma perchè io non conoscevo ancora il tuo splendido blog????? Uff… però meglio tardi che mai !!!!! Splendida la tua interpretazione della panzanella toscana!!!! Che fame!!!!!! Complimenti per tutto!!!Volevo invitarti, se ti fa piacere, a partecipare al mio nuovo contest che ha come tema le insalate estive aventi come protagonista i legumi o i cereali o i semi oleosi:http://kucinadikiara.blogspot.it/2013/06/il-nuovo-contest-cereali-in-insalata_5.htmlGrazie mille e buona giornata,Chiara

  • ciao Viviana, che bel blog che hai *_* ora che ti ho trovata non staccherò più gli occhi di dosso dalle tue magnifiche ricette :-)Marta

  • Noi andiamo matti per la panzanella! Io la preferisco con vicino un pezzetto di caciottina di mucca, mio marito invece la mangerebbe solo con tonno e cipolline fresche…io aggiungo do solito anche sedano, insalata e cetriolo! E' davvero un piatto eccezionale! Buonissima! La tua presentazione è bellissima, come sempre! Un bacione!

    • Ciao Simona, sai che ho dimenticato di scriverle?? Hai ragionissima, che sapore che deve avere, quanto all'alito, ecchissene! Non si può non provare!! Grazie mille! Tanti baci grandi grandissimi!

  • Ciao… pensa che se ne parlava qui al lavoro da me proprio qualche giorno fa…si fa ciosì, no si fa così … non ci capivo una mazza e oggi ti leggo… vuol proprio dire che sta Panzanella la devo imparare a fare…. eheheheh!allora grazie milleun abbraccioLisa

  • Non ho mai preparato la panzanella tesoro ma é nei miei pensiero da sempre e come la toscanissima pappa al pomodoro quindi adesso il tarlo è fisso, stasera panzanella domani pappa:-D!!! Tesoro il pane quindi devo assorbire tipo quando si bagna utilizza per le polpette….che si possa sfregare con le mani, giusto? Bacioniiiiii, Imma

    • Ciao Imma 🙂 molto meno, deve ancora scrocchiare un pò. Io preferisco iniziare a sminuzzarlo e se serve aggiungo un pò di acqua con le stesse mani, non deve venire come per le polpette nemmeno a piatto finito, ovvero deve essere asciutto e non avere depositi di liquido sul fondo del piatto. Fammi sapere e chiedi pure. Tanti bacioni anche a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.