La crema pasticcera e le variazioni sul tema

Ci sono giorni, molti giorni in cui fai a meno di pensare a ciò che vorresti pensare e vivere il più intensamente possibile ma, la tua mente si ferma e va oltre, perché sarebbe doloroso soffermarsi li, sui ricordi, sui momenti che ti sei persa e perdi, quando sei così tanto lontana dalla tua vecchia, cara casa. Non so cosa sia stata, se la musica di sottofondo del meraviglioso capolavoro di Clint Eastwood “I ponti di madison County” o dare un’occhiata fugace sul profilo di mia sorella per vedere se avesse pubblicato o meno la foto della sua splendida crostata di fragole con la sua pasta frolla speciale… il fatto è che all’improvviso la nostalgia dei volti a me cari stava iniziando a prendere il sopravvento e così, sono tornata di corsa sul divano ad anestetizzare la mia mente che  ha vissuto emozioni che non appartengono alla mia storia o forse un pò sì, quando la realtà che mi circonda talvolta, diviene un pò troppo stretta.
Pure stasera, davanti al pc mentre scrivo a voi, una falena si è posata accanto a me. Sarà il messaggio di qualcuno? Io spero portino buone nuove e che ascoltino ciò che desidera tanto intensamente il mio cuore.
Prima di andare a posare le mie membra per nulla stanche sul guanciale ed il materasso però, vi lascio una ricetta che conosciamo tutte, quantomeno, conosciamo noi che ci dedichiamo spesso alla cucina 🙂 L’argomento di stasera è la crema pasticcera, un classico alla base di numerose preparazioni dolciarie e con tante varianti che riporterò di seguito in basso escludendo la presenza della scorza di limone naturalmente.

crema-pasticcera

 

Crema pasticcera

( Pastry cream )

La lista degli ingredienti

500 ml di latte
150 grammi di zucchero semolato
20 grammi di farina 00
20 grammi di maizena
5 tuorli d’uovo
zeste di limone

Prepariamola insieme

  1. Mettiamo in una casseruola il latte con un una fettina o due di scorza (zeste) di limone e facciamo scaldare a fuoco lento.
  2. Intanto in una ciotola montiamo i tuorli con lo zucchero sino a quando si formerà una crema chiarissima. A questo punto aggiungiamo la farina setacciata e la maizena aiutandoci con una frusta per evitare la comparsa di eventuali grumi.
  3. Versiamo il composto all’interno della casseruola sul fuoco e continuiamo a mescolare, riducendo la fiamma. Quando inizierà il primo bollore la crema sarà pronta per le preparazioni dove è utile sia liquida, qualora serva una crema più densa e corposa, proseguiamo per qualche altro minuto la cottura.
  4. Eliminiamo la buccia di limone e versiamo la crema pasticcera in una ciotola, mettendo a contatto con la sua superficie della pellicola trasparente per evitare la formazione della pellicina.
 Varianti
 Crema pasticcera alla vaniglia
Aggiungete al latte un baccello di vaniglia e procedete alla preparazione come sopra.

 Crema pasticcera al cioccolato fondente ed al cioccolato bianco
Aggiungete 150 grammi di cioccolato fondente o bianco alla vostra preparazione, lasciando che si sciolga insieme a latte e procedete come sopra.
 Crema pasticcera al rum, cognac o brandy
Procedete come sopra ed aggiungete 4 cucchiai del liquore che preferite poco prima di spegnere la fiamma.

 Crema pasticcera alla panna
Montare 250 ml di panna, zuccherarla a piacere e, una volta che la crema pasticcera si è freddata, incorporare con una frusta sino a che si sarà amalgamata del tutto

 Argomenti correlati


13 thoughts on “La crema pasticcera e le variazioni sul tema”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.