Torta di carote e pistacchio di Bronte

Eccomi con una ricettina, che spero sia per voi una “dolce ed ammaliante scoperta”. Non la facevo da anni, così, ho dimenticato le varianti che apportavo ma ieri – come dico sempre io – “ho seguito l’istinto” et voilà, la torta di carote e pistacchi è venuta davvero buona, ecco quel che ne rimane difatti! Quella nell’immagine è l’ultima fettina superstite che verrà divisa in due dopo cena:) Non eravamo un esercito ieri sera ma solo in cinque compresa una bimba dolcissimissima, eppure tra assaggi, e spartizioni ecco ciò che rimane… Sarà un buon segno?? 😉 Il suo babbo, non mangia il pistacchio, eppure, sia a capodanno che ieri, ha apprezzato il giusto equilibrio della ricetta, affermando con convinzione “è davvero buona”! E lui, peli sulla lingua come Marco, non ne ha proprio!
torta-di-carote-e-pistacchi
Torta di carote e pistacchi

 

Torta di carote e pistacchi

{  carrot and pistachio cake  }

La lista degli ingredienti

200 grammi di carote al netto degli scarti
150 grammi di farina per dolci 00
150 grammi di burro, per me bavarese
120 grammi di zucchero a velo + 2 cucchiaini per montare gli albumi a neve
80 grammi di pistacchio, per me di Bronte
5 uova medie
2 cucchiai di zucchero semolato
25 grammi di maizena
1 bustina di lievito vanigliato  per dolci
1 pizzico di sale

 

per guarnire

 

zucchero a velo

Preparatela così

  1. Inserite nel mixer i pistacchi, due cucchiai di zucchero e le maizena, avviate e riducete il pistacchio in granella.
  2. Lavate, spuntate e pelate le carote e con l’aiuto di  una grattugia – o di una mandolina – grattugiale o affettatele finemente, nel caso in cui le affettiate passatele al mixer per ridurle quasi in purea.
  3. Montate gli albumi a neve fermissima con un pizzico di sale e due cucchiaini di zucchero a velo.
  4. Nella planetaria od in una ciotola capiente, montate il burro – a temperatura ambiente – e lo zucchero a velo sino a formare una crema ben soda. Aggiungete uno alla volta i tuorli, sempre montando.
  5. Setacciate la farina ed il lievito vanigliato, aggiungete alla crema di zucchero, burro ed uovo e fate amalgamare il tutto perfettamente. Unite le carote ed infine incorporate gli albumi montati a neve prestando attenzione affinché non si smontino. Il composto dovrà darvi la sensazione visiva di essere quasi spumoso.
  6. Imburrate generosamente una teglia a cerniera di 24/26 cm di diametro e spolverizzatela con della farina rimuovendone l’eccesso, versate al suo interno l’impasto ed infornate in forno statico preriscaldato a 180° per 40 minuti circa o poco più.
  7. Una volta che la torta si sarà raffreddata, cospargete sulla superficie lo zucchero a velo e servite.
 Suggerimento
Per ottenere torte dai sapori diversi potrete sostituire la farina di pistacchi con quella di mandorle, di noccioline o noci. Torta di carote e mandorle
Curiositàil pistacchio di Bronte, oltre ad essere un prodotto DOP è anche soprannominato “l’oro verde” non solo per la sua eccezionale qualità ma anche per la quantità in cui viene prodotto. Un intero paese difatti, vive di questa economia che ha reso, per tenacia e posizione favorevole, questo pistacchio un prodotto apprezzatissimo non solo nel territorio nazionale ma bensì anche all’estero. Insomma, il pistacchio di Bronte è tra i più apprezzati prodotti del territorio della mia terra natia: la Sicilia. Il nostro terreno vulcanico grazie anche a tutti i minerali in esso contenuti, non fa altro che migliorare la sapidità dei prodotti che nascono nel suo suolo, e noi, non possiamo non esserne orgogliosi!

 



16 thoughts on “Torta di carote e pistacchio di Bronte”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.