Pesto rucola e mandorle, perché la rucola non è ancora morta ;)

Mai spettacolo teatrale cadde così a fagiuolo 🙂
Oggi pomeriggio sono stata a teatro insieme a due carissimi amici per vedere la prima dello spettacolo “Qui e ora” diretto ed interpretato da Valerio Mastandrea. Una commedia dove l’amaro si confonde al riso, dove ciò che è pittorescamente barbaro diviene quasi ironico. Due motociclisti si scontrano per caso e non, la sorte che sembrava destinata ad uno sembra ricadere infine su colui che cinicamente l’augurava  all’altro. La superficialità e la schiettezza, la semplicità e la durezza si confondono tra loro. Uno spaccato non ipocrita ma reale e surreale al tempo stesso dove ognuno è perfetto ed imperfetto a proprio modo. L’uomo che crede di avere una risposta a tutto e per tutto, contrapposto a colui che “sembra” vivere solo di incertezze. Un tema ricorrente tra questi moti umani è anche quello del cibo. Ed anche da quì noi food blogger dovremmo trarre spunto: carbonara di pesce, bichini di cozze, aria di basilico… insomma… Aurelio (Valerio Mastandrea) è uno chef che trasmette on air e sembra descrivere fumo più che piatti e sostanza… Il tema della rubrica del giorno della diretta – che avviene attraverso il cellulare sullo stesso luogo desolato dell’incidente – è: “la rucola è morta!” E, visto che proprio giorni addietro ho preparato il pesto rucola e mandorle (io glielo avrei suggerito – ma avrei dato troppo nell’occhio 😉 non credete?! – ecco che quatta quatta, zitta zitta, vi posto la ricetta semplice e veloce di questo pesto inusuale che sono certa piacerà agli amanti della rughetta 😉
Ma prima, desidero sottolineare che la presenza del secondo attore protagonista è davvero notevole, Valerio Aprea (Claudio) è un attore molto espressivo la cui presenza sulla scena non è stata offuscata dalla bravura di Mastandrea né passa in secondo piano. Un grande plauso ad entrambi gli attori insomma, vi invito ad andarli a vedere!
Io, li invidio un po’, possono fare ciò che a me… è stato precluso di fare ma, questa è una lunga storia, che forse un giorno deciderò o riuscirò a raccontarvi con il dovuto distacco… ancora oggi, dietro i miei “è andata così”, brucia da morire…

pesto-rucola

 

Ingredienti

  • 100 grammi di rucola
  • 70 grammi di olio evo
  • 20 grammi parmigiano reggiano
  • 20 grammi di mandorle spellate
  • 1 spicchio di aglio (piccolo)
  • sale q.b

Preparazione

Procedete come per un normale pesto, aiutandovi con il mortaio o con il frullatore. Io ho eliminato l’anima dell’aglio, ho messo tutti gli ingredienti dentro ed ho avviato sino a quando ho ottenuto la consistenza che mi interessava. Ho lasciato da parte un pò di mandorle che ho tagliato con la mezzaluna grossolanamente et voilà, il pesto è pronto per tutti gli usi che vorrete farne, dalla pasta alla bruschetta, fate un pò voi come più vi aggrada 😉 Buon appetito miei cari


8 thoughts on “Pesto rucola e mandorle, perché la rucola non è ancora morta ;)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.