domenica 16 novembre 2014

Sarde a beccafico rivisitate

Se mi volto indietro, il tempo sembra quasi essere volato in questi giorni, seppur allo stesso tempo l'incedere dei mesi è apparso appeso alle note di un lento valzer. Non mi ero ancora resa conto sino a ieri che ormai 

sono davvero pochissime le settimane che mi separano 
dalla felicità più completa ed assoluta... 
presto potrò stringere tra le braccia il mio piccolo principe, 
tanto atteso e tanto desiderato al punto che
mi sembra ancora di sognare. 

Così, gli impegni si infittiscono, si accavallano e purtroppo io procedo lentamente, vuoi per il sonno che ha portato con sé la gravidanza, vuoi per la cura farmacologica che mi "rallenta" in tutti i sensi.

Quello che vi presento oggi è un piatto della tradizione siciliana, le famosissime sarde a beccafico che questa volta incontrano il sapore deciso di un formaggio d'oltralpe, l'Emmentaler dop.

Questo piatto è un caposaldo della tradizione culinaria siciliana e non può assolutamente mancare nelle tavole di ogni famiglia che spesso aggiunge alla ricetta il suo tocco personale. A casa nostra è così e la regina nella preparazione di questa pietanza è senza alcuna ombra di dubbio nostra madre che come sempre, le prepara ad occhio, eccezion fatta per questa volta in cui il suo occhio è stato convertito minuziosamente in peso dalla mia bilancia elettronica ;)

Posso dirvi che la ricetta per noi è così speciale che mia sorella se le fa preparare da mia madre ogni volta che decide di portarle in tavola ed io, che avendo vissuto a distanza non potevo conoscere le esatte dosi, sono felice di averle adesso nero su bianco. Potrò così prepararle ogni volta che ne avrò voglia e non solo perché questo piatto è parte del mio territorio ma anche e soprattutto perché è parte della tradizione culinaria della mia famiglia.

sarde-a-beccafico

Sarde a beccafico( Sicilian stuffed sardines )

Tempo di preparazione e tempo di cottura

+


La lista degli ingredienti


per quattro persone
600 grammi di sarde pulite ed aperte a libro (circa 1 kg da pulire)
200 grammi di pangrattato
120 grammi di emmentaler dop
120 grammi di latte
4/5 uova medio/grandi
10 grammi di sale
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1/2 cucchiaino di pepe
farina 00 q.b.
olio per friggere q.b.



Prepariamole insieme

  1. Laviamo le sarde sotto l'acqua corrente e priviamole delle squame. Se fossero da pulire, tagliamole a libro, evisceriamole e priviamole della lisca e della testa.
  2. In una ciotola amalgamiamo il pangrattato, l'emmentaler grattugiato, il latte, il prezzemolo, il pepe ed il sale ed aggiungiamo 4 uova intere, se il composto risultasse asciutto, aggiungiamo un quinto uovo sino a renderlo omogeneo e non troppo morbido. La consistenza deve essere simile all'impasto delle polpette. 
  3. Richiudiamo un cucchiaio circa del composto ottenuto tra due sarde - come fosse un panino imbottito - passiamolo nella farina e friggiamolo in olio bollente sino a che la superficie si sarà dorata.


Con questa ricetta partecipo al contest #noiCHEESEamo dei formaggi svizzeri DOP organizzato da Peperoni e patate


8 commenti:

  1. ciao Vivi
    conosco la ricetta, ma mai provata.
    la tua versione in foto mi sembra bellissima ( e non dire che non ti riescono le foto :P ).
    Ti/vi abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ajhahahahha non mi riescono eccome, non so più fotografare, ammesso che io abbia mai saputo farlo, o forse sono solo stanca per via dei farmaci che mi rallentano non poco o ho temini di paragone troppo elevati. Mi strapiacciono le foto degli altri ;)
      Accogliamo l'abbraccio e lo rimandiamo per due. A prestissimo ♥

      Elimina
  2. Rivisitazione davvero con i fiocchi!! Brava Vivi!!
    Un abbraccio forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Grazie di cuore, ti aggiorno presto e spero di passare presto anche da te ♥ Un mega abbraccio doppio

      Elimina
  3. Anche per me questa è una "ricetta del cuore" e, sai, non avevo pensato mica di poterle realizzare... Forse perchè come le fanno i miei nonni sono inimitabili! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre così, per noi siciliani è un classico ed un comfort food, ognuno ha la ricetta del suo cuor! A presto Giovyna e grazie per il tuo passaggio quì :*

      Elimina
  4. cavoli tesoro mi ero persa qst tua reinvezione grandiosa!!!!!! quando mi parli di sicilia io già alzo le antennine, se poi mi ci metti il tuo estro... alzo bandiera bianca! :)
    ps: come stai??? Smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, alla grande!
      Grazie di cuore e super baci :*

      Elimina

♥ Ogni commento o richiesta di chiarimento è graditissimo

✔ Condividi le foto dei tuoi piatti sui miei social Instagram e Facebook

☕ Non perderti una ricetta, iscriviti gratis alla NEWSLETTER con ✉ GOOGLE feedburner