giovedì 11 aprile 2013

Le polpette di finocchietto selvatico: un piatto che profuma di campagna


La ricetta di oggi è semplicemente sublime! Si tratta delle polpette di finocchietto selvatico. Il loro sapore ha il profumo di campagna e sono certa che non vi deluderà per la sua delicatezza, la freschezza e la corposità. Con questa ricetta otterrete circa 10 polpette o 20 polpettine.

Dopo la pasta con il finocchietto selvatico di domenica, avevo ancora un ultimo mazzetto da parte, con cui ho preparato delle polpettine. Se non dovessi avere eccessiva paura di tornare nel campo per il timore della presenza di eventuali vipere, visto che il primo tepore è finalmente giunto, ne raccoglierò dell'altro perché ieri sera i nostri palati hanno goduto letteralemnte. Per essere una ragazza di città, mi sono adattata molto bene alla campagna, abituandomi anche a cose che non avrei mai pensato potessero fare parte della mia quotidianità. Avevo paura di ogni cosa quasi, non seminavo un seme dai tempi dei germogli all'asilo, anche se curavo già da qualche anno le piante grasse in balcone ed ora, ho un orticello ed anche un rospo mi fa tenerezza :) Immagino la faccia di mia sorella e mio fratello nel vedermi adesso, prima anche un vermetto mi avrebbe fatto accapponare la pelle e loro mi facevano i dispetti molto spesso, prendendosi gioco di me :) ma, le vipere proprio no, quelle sono terrore puro. Insomma ragazze, pregate per me, perché a quel che mi dicono, anche quando vado per asparagi, il rischio di imbattersi in una, c'è.

polpette-di-finocchietto-selvatico

Polpette di finocchietto selvatico

 { fennel balls }



La lista degli ingredienti

200 grammi di finocchietto selvatico
2 uova grandi
2 cucchiai di latte
2 cucchiai di parmigiano
1 cucchiaio di pangrattato
sale q.b.
pepe q.b.
olio evo


Preparate le polpette di finocchietto selvatico così

  1. Lavate il finocchietto selvatico e fatelo cuocere a fuoco medio in acqua bollente salata per circa 10/15 minuti. 
  2. Scolatelo bene ed appena si è stiepidito strizzatelo un po'. Tagliatelo finemente - io ho utilizzato la mezzaluna.
  3. In una ciotola capiente in grado di accogliere tutto, sbattete le uova, aggiustatele di sale (un pizzico di sale per uovo), aggiungete il latte, il pangrattato, il parmigiano, il pepe ed infine - dopo aver amalgamato gli ingredienti - il finocchietto tritato.
  4. Con l'aiuto di due cucchiai, formate le polpettine e versatele nell'olio bollente. Giratele di tanto in tanto e una volta che saranno pronte mettetele su di un foglio di carta assorbente sino a che si saranno raffreddate.

Servite a temperatura ambiente. Buon appetito!

22 commenti:

  1. Viviana, io questa ricetta la adoro, davvero! Anche io amo andar per campi a raccogliere erbe ed asparagi, e sogno un piccolo pezzo di terra mia dove poter seminare e raccogliere la mia frutta e la mia verdura!
    Queste polpettine sono assolutamente inedite per me ma me le segno perchè mi incuriosiscono un sacco!
    Ciao, buona giornata e a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta! Se hai un bel balcone puoi provare con gli orti verticali fai da te ;)
      Sono quasi certa che ti piaceranno, scrivo "quasi" perché il mio compagno ad esempio non adora molto il finocchietto selvatico ma ieri e domenica lo ha più che gradito invece. Nelle polpette la presenza del latte credo le abbai rese ancor più delicate, fammi sapere! Un baciotto e buona giornata anche a te!

      Elimina
  2. io adoro il finocchietto selvatico!e quindi queste polpettine mi stuzzicano alquanto :D

    RispondiElimina
  3. E' un piatto che fa davvero gola, giuro!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) io sono tentata di andare a raccogliere. Solo che la paura è tanta, se becco una vipera è finita!

      Elimina
  4. Viviana!!!! Ma tu lo sai quanto mi piace il finocchietto selvatico?? Lo adoro!
    Quindi questa ricetta è fatta proprio per me e me la segno subito. Da fare assolutamente, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sono certa che te ne innamorerai. Io sono tentata di prendere gli stivali per trissare! :D

      Elimina
  5. Io in zona non ho trovato ne asparagi ne finocchietto selvatico.... dovrò farmelo mettere sotto aceto da mamma e prenderlo quando la vedrò...:-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per gli asparagi ci penso io il prossimo anno a raccogliere i semi per te, lo stesso vale per il finocchietto :)

      Elimina
    2. Grazieeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Sei un tesoro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    3. Di nulla carissima!! :) è un piacere!

      Elimina
  6. Che belle tutte le tue ricette, Vivi! :)
    Ma davvero Google ti da quel problema?? uhm.. se vuoi sono su Bloglovin e ti seguo già! ;)
    Belli belli gli anelli.. io li ho sempre adorati!
    Comunque hai visto su fb che ho seguito la tua ricetta delle scorze candite? *-* quella sera le ho fatte senza tenerle a bagno ed erano già buone.. poi l'altroieri le ho rifatte seguendo esattamente la tua ricetta e sono FANTASTICHE!! Buonissime... ti ringrazio immensamente per averla pubblicata!! *-*
    Un abbraccio! Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu, noo non l'ho visto, ma hai scritto qualcosa? Si, realmente, ti devo cercare a ritroso tra i commenti, adesso provo con blogloving! Sono contenta che ti siano piaciute :)) Un abbraccio grandissimo

      Elimina
  7. E che profumino delizioso cara, ottimo piattino!!!!

    RispondiElimina
  8. bellissima ricetta! dici che si può sostituire il finocchietto con qualcos'altro (non so, mi viene in mente l'erba cipollina ma non so se è una bestemmia...) visto che da me si trova poco ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con quella io ci faccio la frittata quindi andrebbe benissimo ma non verrebbero delle polpette e non con lo stesso sapore :(

      Elimina
  9. Questa ricetta mi incuriosisce ma ... non so proprio dove trovare il finocchietto selvatico!! Secondo te con le barbe del finocchio si possono fare?
    Qui da me direi che ci sono solo campi ma non è un erba che si trova dalle nostra parti, forse fa troppo freddo, non so! Quest'anno mi sa che non faccio nemmeno l'orto sul balcone, come al solito. La primavera non ne vuole sapere di passare da noi ed è già troppo tardi per seminare!
    Brava Viviana, ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, non è mai troppo tardi, cresceranno lo stesso, anche io sono in ritardo ma non mi preoccupo, la vitalità delle piante può sorprendere :) NOn le ho mai mangiate ma sono commestibili credo, potresti provare, chissà che venga fuori qualcosa di altrettanto buono :) Un baciotto cara

      Elimina
  10. Eccolo dove stava!!! E mi inviti a nozze con il finocchietto selvatico. Non ti far fuori tutti i semi... me li hai promessi. Polpettine da urlo!!!!

    RispondiElimina
  11. devono essere speciali davvero e non oso pensare al profumo che si è sviluppato.

    RispondiElimina

♥ Ogni commento o richiesta di chiarimento è graditissimo

✔ Condividi le foto dei tuoi piatti sui miei social Instagram e Facebook

☕ Non perderti una ricetta, iscriviti gratis alla NEWSLETTER con ✉ GOOGLE feedburner